Hanno provato il proverbiale “vento”, abbandonando disinvoltamente il locale in cui avevano cenato senza saldare un conto da svariate centinaia di euro, ma sono stati individuati dalla polizia locale, che li ha obbligati a pagare e a versare anche una congrua mancia. È capitato a 14 italiani che si trovavano sabato sera in Spagna a Pamplona, la località famosa nel mondo per la corsa dei tori. Il gruppo di connazionali furbetti ha consumato quattordici menu, una tartare di salmone, una porzione di patate, un caffè e quindici bicchierini di liquore. Totale, 620 euro, poco meno di 45 euro a testa. Ma al termine del lauto pasto, piuttosto che dividere, i commensali hanno pensato bene di andarsene senza pagare. Il “sinpa”, come lo chiamano gli spagnoli, non è però andato a buon fine: il gruppo è stato acciuffato dalla polizia provinciale, che ha poi raccontato l’accaduto in un tweet.

Le autorità non hanno specificato a quanto ammontasse la mancia, ma secondo il Diario de Navarra si è trattato di un 10 per cento. La stampa spagnola dà ampio risalto all’accaduto, che non mette certo in buona luce la condotta dei turisti italiani nel paese. Il tema delle cene non saldate sembra particolarmente di attualità a Madrid e dintorni: a marzo 120 persone riuscirono a lasciare un ristorante senza versare circa 2000 euro. Due settimane più tardi, due furono arrestati per non aver saldato una cena da 30.000 euro per 400 persone.